Contest Facebook: cosa sono, come funzionano e come sfruttarne vantaggi

Oggi parliamo di Contest Facebook: cosa sono, come funzionano e a cosa servono.

 

1. Cosa sono i Contest su Facebook

Un contest è uno strumento capace di catalizzare lattenzione degli utenti in modo leggero ed interattivo. Per questo, sempre più addetti del business online lo scelgono come mezzo di promozione dei propri prodotti, con la consapevolezza che, così, si avrà la possibilità di aumentare lawareness del brand mediante engagement spontaneo.

 

Per le sue caratteristiche, Facebook è indubbiamente il social che più si presta a supportare tale tipo di attività vale a dire a promuoverla e farla divulgare velocemente.

I moltissimi utenti e il meccanismo molto semplice alla base delle stesse dinamiche del social sono l’ideale per un intrattenimento che, nel modo più semplice possibile, possa coinvolgere, divertire e diffondere contenuti promozionali.

 

2. Regolamento: cosa si può fare dopo le modifiche del 2013

Da ormai qualche anno il regolamento interno di Facebook a proposito di concorsi è cambiato, e si sono raggiunte maggiori libertà ed autonomia sul fronte dell’organizzazione e della gestione.

Il vincolo che per anni aveva impedito ai Social Media Manager di tutto il mondo di dare libero sfogo a creatività ed inventiva risiedeva nella impossibilità di organizzare concorsi direttamente sulla bacheca di un’azienda.

 

Se all’epoca sarebbe stato necessario creare una tab aggiuntiva, dal cambio di regole è conseguita la libertà di gestire contest direttamente dalla fanpage del cliente.

Tra le attività consentite rientrano quindi:

  • il “mi piace” come voto,
  • la richiesta agli utenti di postare o commentare per iscriversi alla fanpage,
  • di postare qualcosa sulla pagina dell’azienda.

Tra quelle non consentite invece rimangono:

  • la richiesta di condividere un post sul profilo personale dell’utente o su quello di un amico (ad esempio, non è consentito usare diciture come “condividi sul tuo diario per partecipare” o “condividi sul diario di un amico per avere una chance in più di vincere”).,
  • la richiesta all’utente di taggarsi per iscriversi o votare.

 

Una problematica emersa a seguito di questo nuovo regolamento è legata alla necessità di fare riferimento, oltre che alle norme generali di Facebook, anche alla normativa nazionale di riferimento in materia di concorsi a premi. In Italia si tratta del DPR 430 del 26 ottobre 2001.

Evitando inutili tecnicismi, per organizzare un contest in Italia è necessario affrontare una trafila abbastanza articolata (in taluni casi dai costi rilevanti) che potrebbe, in molte situazioni, dissuadere dal tentare.

 

Tanto per fare un esempio, per la nostra legge il server di chi ospita un’applicazione e il database con tutti i dati devono necessariamente trovarsi nel territorio italiano. La maggior parte delle operazioni che si svolgono sui social network sfruttano server stranieri, pertanto sarà necessario abbinare ad essi un sistema “mirror, che consenta di replicare, in tempo reale, le partecipazioni dal server estero al server italiano.

Per questo, la cosa migliore in questi casi è affidarsi alla competenza ed esperienza di professionisti del settore. La nostra web agency sa come muoversi all’interno dei cavilli legali e burocratici e sa come bypassare ogni impedimento senza porsi in contrasto con la legge.

 

Ad esempio, per dare un assaggio, rispettando alcuni parametri è possibile organizzare legalmente un contest che dal punto di vista formale non rientri all’interno del novero proposto dalla legge, ma nei fatti possa essere uno strumento con le stesse caratteristiche social e, quindi, dallo stesso potenziale.

 

Un contest dalla meccanica molto semplice e dalla premiazione non “ufficiale” sarà la soluzione migliore per evitare di incappare in possibili sanzioni: nello specifico, offrendo premi per tutti, dal basso valore economico (gadget) o addirittura non tangibili (gratificazioni sulla pagina) sarà possibile realizzare un ottimo prodotto con poca dispersione di tempo.

 

3. Come sfruttare il potenziale dei contest facebook nel digital marketing

Ora che abbiamo capito cosa sono, come andrebbero fatti, come è possibile realizzarne anche di tipologie alternative evitando di impelagarsi nella burocrazia, e come poter organizzarli, cerchiamo di capire come poter sfruttare tutti i vantaggi e le possibilità di questi strumenti per il nostro business, attraverso strategie creative ad hoc per ogni singolo contest.

 

Una delle cose più importanti da considerare è che il contest facebook andrà collegato a tutti gli altri canali social, così da favorirne la circolazione simultanea e trasversale su più fronti andando a rivolgersi a target diversi, seppur affini. Più piattaforme significa più pubblico, sfruttando le risorse di ogni singolo canale.

Solo per fare un paio di esempi, Twitter consentirà di viralizzare il nostro concorso mediante hashtag strategici, basati magari sui trending topic del momento, naturalmente in campi correlati; Instagram invece si presterà a raffinati contest fotografici.

Ottimo è anche il ricorso ad attività di digital pr, selezionando influencer idonei che possano promuovere l’attività e fungere da modello per tutti i followers.

 

A questo punto, un premio semplice ma invogliante sarà la ciliegina sulla torta. Un premio come abbiamo detto non impegnativo dal punto di vista economico, ma fondamentale a livello di gratificazione social per l’utente, che vedrà riconosciuta all’interno della community la sua abilità.

Naturalmente, fondamentale a quanto detto è che si affianchi a tale attività strategica una sponsorizzazione dellattività mediante Facebook Ads. Solo in questo modo, il nostro contest verrà supportato nella sua affermazione online e gli sarà data vera possibilità di raggiungere il più alto numeri di utenti possibile.

 

Tutto chiaro?

Ora non ti resta che contattarci: metteremo al tuo servizio la nostra passione più grande, e proporremo la migliore delle soluzioni per creare un contest perfetto per il tuo Brand!

Costruiamo qualcosa di grande insieme